In questa pagina sono pubblicati i FAQ relativi all’ invito a mettere offerta per l’affidamento delle prestazioni di servizi relativi agli interventi di  “Ampliamento del Cimitero della Misericordia

 

DOMANDE SULLA PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA E SULLA VALIDITA’ DELLA STESSA

Q)Dove posso trovare tutta la documentazione relativa?

A) la documentazione relativa al bando può essere scaricata dal sito della misericordia all’indirizzo: http://www.misecampi.it/cimitero-bandi-e-gare/

Q) E’ vero che la scadenza per la presentazione delle offerte è stata prorogata?

A) Si, è stata prorogata alle ore 13.00 del 12.12.2014. L’avviso di proroga è consultabile all’indirizzo: http://www.misecampi.it/cimitero-bandi-e-gare/

Q) Sono un professionista con sede (od opero) al di fuori delle Province di Firenze e Prato, dunque non posso presentare un’offerta?

A) Nell’avviso di invito a presentare offerte veniva indicata la preferenza per tutti quei professionisti, studi e società con sede od operanti nelle Province di Firenze e Prato, questo per necessità sia logistiche sia di rapporti professionali che riguarderanno gli enti pubblici preposti ai vari iter autorizzativi (in particolare la Soprintendenza…). Detto questo, si ribadisce che non è esclusa in alcun modo la partecipazione per chi opera o abbia sede in zone limitrofe, specie qualora sia dimostrata la presenza degli altri requisiti indicati dalla Misericordia.

Q) Sono un professionista con un curriculum e competenze tali da potermi ritenere in grado di assolvere alla richiesta della committenza, pur non avendo avuto alcuna esperienza specifica nel settore dell’edilizia cimiteriale. Posso presentare ugualmente un’offerta?

A) La committenza non selezionerà esclusivamente le proposte di professionisti, studi e società che abbiano già operato su incarichi ed opere uguali o similari: dunque, chiunque ritiene di avere e poter dimostrare la necessaria esperienza, capacità e competenze per poter assolvere alla tipologia di incarico potrà presentare la propria offerta, che sarà valutata da questa Commissione con la massima serietà ed accuratezza.

Q) Esiste un modello da compilare per l’iscrizione e la formulazione della domanda economica?

A) Non è previsto un modello standard per la presentazione dell’offerta, tuttavia può essere usato come guida l’elenco presente nel comunicato, nel quale sono elencate le prestazioni delle quali è necessario indicare la relativa offerta. Ulteriori voci, se previste, possono essere aggiunte a tale elenco a discrezione del professionista (o del raggruppamento di professionisti) che presenta l’offerta.

Q) Sono un professionista che intende partecipare come singolo: devo lo stesso compilare un’offerta che prevede tutte le prestazioni professionali secondo gli schemi dei prospetti A e B dell’art.5 del bando,oppure posso presentare l’offerta per una singola prestazione (o più di una, ma comunque non tutte le prestazioni previste)?

A) E’ necessario presentare un’offerta relativa a tutte le voci e le prestazioni previste dall’elenco.

Q) La natura del soggetto che presenta l’offerta (ad es.: singolo o raggruppamento temporaneo) influisce sulla presentazione? Se si, in che modo?

A) L’invito a presentare l’offerta riguarda singoli professionisti, studi associati, società o raggruppamenti temporanei senza distinzione. L’organizzazione interna, la ripartizione dei ruoli, degli oneri e dei compensi spetta esclusivamente ai soggetti coinvolti. Ciò non avrà nessuna conseguenza sulla valutazione dell’offerta presentata. L’Ente richiede unicamente un’offerta completa di tutte le voci e le prestazioni in elenco.

Q) L’offerta può essere presentata da un professionista singolo, che a sua volta si può avvalere in un secondo momento di uno o più collaboratori (senza che i nominativi di quest’ultimi vengano indicati nell’offerta), oppure deve essere obbligatoriamente indicato che l’offerta è stata redatta non da un singolo ma da un gruppo di professionisti (e quindi indicarne i componenti ed eventualmente il capo gruppo, com’è stato per l’iscrizione al concorso d’idee dello stesso Ente)?

A) Ai fini della valutazione dell’offerta non è rilevante che l’offerta sia presentata da un singolo professionista, ovvero società/raggruppamento/studio associato. L’importante è che nell’offerta rientrino tutte le prestazioni elencate e previste.

Q) Il criterio di scelta dell’offerta migliore si baserà su valutazione economica o anche tecnica?

A) Il criterio di scelta non sarà semplicemente di natura economica ma anche di natura tecnica, perché sarà determinante la presenza o meno dei criteri indicati nel comunicato.

Q) Il criterio di scelta dell’offerta migliore si baserà su un raffronto sulla prestazione complessiva o sarà valutata prestazione per prestazione?

A) Il confronto riguarderà certamente le prestazioni in generale, nulla toglie di poter scendere nello specifico delle singole voci, qualora ciò sia necessario per una valutazione più opportuna.

Q) E’ valida una dichiarazione di impegno alla costituzione di un raggruppamento temporaneo tra professionisti in caso di vincita del bando o è necessario che il raggruppamento sia già formato?

A) Ai fini della presentazione dell’offerta basta l’impegno alla costituzione del raggruppamento.

Q) In caso di offerta presentata da un raggruppamento deve essere inviato un solo curriculum professionale(cumulativo) riguardante i lavori realizzati e a parte i cv dei singoli professionisti ,oppure è necessario per ogni professionista cv e opere realizzate?

A) E’ assolutamente indispensabile il curriculum del rappresentante del raggruppamento da costituirsi. Per gli altri, naturalmente quanti più curriculum verranno trasmessi, quanto migliore potrà essere la valutazione fatta dalla commissione. Diversamente, sarà più difficile riuscire ad ottenere una valutazione opportuna e, in caso ci fossero incertezze, non potranno essere espressi giudizi favorevoli o particolari note di merito.

Q) E’ necessario allegare separatamente le offerte dei singoli professionisti in caso di raggruppamento temporaneo , su carta intestata di ogni singolo professionista, oppure è sufficiente una co-intestazione ed un unica tabella come riportata nel bando con evidenziazione del capogruppo e delle singole competenze con firme dei vari progettisti?

A) E’ sufficiente una co-intestazione ed un’unica tabella. E ‘ necessario individuare un capogruppo, il quale deve presentare il proprio curriculum. Gli altri membri dovranno comunque presentare un’adeguata documentazione comprovante l’abilitazione a svolgere le rispettive mansioni previste nell’offerta.

DOMANDE TECNICHE

Q) Nell’ offerta economica devono essere previste oltre alle relazioni geologiche ( opera di intelletto anche le prove geognostiche (quali a titolo esempolificativo : sondaggi, penetrometrie, inclinometri, piezometri prelievi ed analisi  campioni  presso laboratori specializzati ed autorizzati dal Ministero , prove sismiche )? Tali indagini sono obbligatorie ma solitamente esulano dalle prestazioni professionali  e  presentano costi non trascurabili.

A) Nell’ offerta economica dovranno essere conteggiate tutte quelle prestazioni e indagini preliminari sicuramente necessarie e preventivabili. In ogni caso potrà essere aggiunto un qualsiasi numero di specifiche, per meglio dettagliare l’offerta presentata. E’ da tenere conto il fatto che le indagini preliminari si ritengono importanti ma, nel caso specifico, non si tratta di opere edilizie-strutturali di impatto estremamente rilevante dal punto di vista geologico – geotecnico: quindi, le indagini da considerare oltre a quelle necessarie/obbligatorie, dovranno essere commisurate alla portata ed importanza degli interventi.

Q) Quali e quanti collaudi finali – oltre al collaudo statico che è obbligatorio per legge-vengono richiesti? Si richiede il collaudo tecnico-amministrativo così come definito dagli artt. 215 e seguenti del DPR 207/2010? Si richiedono i collaudi tecnici degli impianti elettrico e meccanico? Oppure al posto dei due collaudi tecnici si chiede, per ognuno dei due impianti eseguiti, un “certificato di regolare esecuzione” rilasciato dal direttore dei lavori al termine dei lavori stessi?

A) Per quanto attiene la voce “collaudi”, oltre a quelli previsti dalla normativa vigente e quelli richiesti esplicitamente dal prospetto, il professionista che pone l’offerta può aggiungere un qualsiasi numero di voci, avendo cura di indicare il più dettagliatamente la spesa preventivata. Ciò serve per rendere efficacemente la natura, la portata e il costo delle operazioni incluse nell’offerta finale. Ove possibile, può essere indicato il nominativo del professionista individuato per svolgere un determinato collaudo. La committenza si riserva di operare anche per conto proprio scorporando la cifra.

Q) Quando vengono richieste le “Dichiarazioni di Conformità delle Opere” , viene inteso forse il “certificato di agibilità”?

A) La committenza richiede inoltre obbligatoriamente il collaudo generale dell’opera di corretta e regolare esecuzione con le dichiarazioni di conformità degli impianti.

Q) L’offerta economica dovrà essere unica per l’intero progetto, seguendo lo schema a pagina 4 dell’avviso oppure dovrà essere suddivisa in quattro offerte separate seguendo lo schema “Ipotesi di realizzazione per stralci” del documento “Quadro economico” ?

A) Il professionista dovrà procedere considerando l’offerta nel suo insieme e non distinguendo tra i vari stralci.

Q) L’offerta per l’affidamento delle prestazioni di servizi relativi al progetto di ampliamento del cimitero, in relazione alle verifiche geologiche, idrologiche, sismiche, etc., deve comprendere anche l’importo per l’ esecuzione delle prove ed indagini, oppure ciò è facoltativo?

A) La commissione reputa probabile che alcune offerte arrivino al netto delle prove geologico tecniche di esecuzione; sarebbe dunque opportuno che nell’offerta vi sia ricompreso anche detto onere (qualora possibile). Altrimenti può essere specificato quanto di diverso.

Q) Il professionista responsabile della progettazione e della direzione lavori possano coincidere?

A) Si, un professionista può ricoprire i ruoli sia di responsabile della progettazione che di responsabile della direzione lavori.

Q) Nelle prestazione accessorie di cui all’art.5 prospetto B viene chiesta offerta anche per “collaudi finali e dichiarazioni di conformità delle opere”. A nostro giudizio tale figura non può essere parte del gruppo di progettazione e direzione lavori in quanto ciò sarebbe contrario ai dispositivi di legge che prevedono che tale figura sia indipendente. E’ pertanto da intendersi come assistenza al collaudo?

A) La commissione non ha individuato nè tantomeno adottato ancora provvedimenti specifici a riguardo, ritenendo comunque possibile individuare e indicare, già nell’offerta, il nominativo di uno (o più) collaudatore/i. Pertanto se il professionista ritiene di non poter (o dover) presentare offerta anche per detta prestazione, perché a suo giudizio andrebbe in palese contrasto con quanto previsto per legge, potrà sottolinearlo chiaramente nell’offerta che presenterà.